La Regolarità Intestinale: il nostro primo indicatore di benessere

La Regolarità Intestinale: il nostro primo indicatore di benessere

Quando si parla di benessere uno degli aspetti principali da prendere in considerazione è senza dubbio la regolarità intestinale, poiché si tratta di uno dei punti indispensabili per stare bene.

Quando questa viene a mancare si crea una situazione di disagio sia a livello psicologico che fisico, poiché si manifestano una serie di problematiche legate proprio alla scarsità di regolarità del nostro intestino. Raggiungere un buon equilibrio è molto importante, ma per farlo occorre seguire alcuni passaggi fondamentali per eliminare lo stato di stitichezza.

Vediamo dunque in questo articolo quali sono i consigli utili da attuare per raggiungere un benessere fisico partendo dalla regolarità intestinale.

Siamo quello che mangiamo

La nostra alimentazione ha un impatto molto forte sulla nostra salute, proprio per questo è bene prestare attenzione a ciò che mangiamo ogni giorno, favorendo una sana ed equilibrata dieta.

Quotidianamente occorre prediligere una dieta che sia la giusta combinazione di carboidrati, proteine, vitamine e tutte quelle sostanze nutritive fondamentali per garantirci il giusto benessere.

La corretta alimentazione inoltre è uno dei metodi migliori per favorire la regolarità intestinale, infatti la frutta, le verdure e le fibre che ingeriamo nel quotidiano hanno il potere di mantenere in un buono stato di salute il nostro intestino e impedire l’insorgere della stipsi.

Ci sono degli alimenti che sono da preferire, come i cereali, la frutta, gli yogurt e le verdure, poiché aiutano l’intestino nelle sue normali funzioni, nel rispetto della flora batterica intestinale. Per quanto riguarda l’acqua occorre berne almeno un litro e mezzo al giorno e inoltre si può integrare la propria dieta con dei probiotici e prebiotici, indispensabili per mantenere in buono stato l’apparato intestinale.

Di contro occorre limitare tutti quegli alimenti raffinati, il cioccolato, i cibi grassi oppure quelli che tendono a stringere come il riso o il limone.

Se il nostro equilibrio intestinale è precario si soffre dunque di intestino pigro notando l’insorgere di meteorismo, dolori addominali e gonfiore. Se si vuole dunque avere un benessere generalizzato il primo passo da compiere è senza dubbio seguire una corretta alimentazione, sana e variegata con tutti i nutrienti di cui si ha bisogno.

Insieme al rispetto della buona alimentazione, per garantire la regolarità intestinale occorre svolgere movimento fisico quotidianamente, e in aggiunta si può decidere di assumere degli integratori che possano aiutare il regolare transito intestinale.

Sono utili anche le tisane, soprattutto quelle a base di finocchio, rabarbaro e liquirizia, poiché hanno al loro interno delle proprietà lassative ed effetti positivi per la nostra salute. Come già detto anche i fermenti lattici come i probiotici sono indispensabili per regolare l’evacuazione e contrastare l’intestino pigro.

Hai già scaricato il Ricettario Hurom "Bere Sano per Vivere Meglio"?

All'interno trovi 276+ ricette innovative per ridare da subito benessere al tuo corpo, richiedi ORA la tua copia!

Essere regolari a livello di digestione e intestino è un sinonimo di benessere

Quando il nostro corpo è in uno stato di salute, possiede anche un buon livello di digestione e la regolarità intestinale, poiché questi sono i primi indicatori del nostro benessere. Quando manca l’equilibrio intestinale si verificano una serie di problemi, come mal di testa ricorrenti, malumore e irritabilità, dolori addominali, meteorismo, gonfiore addominale, senso di pesantezza, cattiva digestione, e nei casi più gravi anche eruzioni cutanee.

Tutto questo accade poiché le feci non essendo ben idratate non riescono ad essere espulse e dunque restano nell’intestino più del dovuto, rilasciando nel nostro organismo una serie di tossine. Si afferma che il nostro intestino sia il secondo cervello, ci sono diversi studi che dimostrano che l’intestino sia il vero centro del nostro benessere psico-fisico. Per questo, prendersi cura della propria regolarità vuol dire mantenersi in un buono stato di salute.

Chi soffre di stipsi spesso è più soggetto all’insorgere di emozioni negative, stati depressivi e malumore. Questo perché come già detto l’intestino è il fulcro principale del nostro benessere, e avere una buona regolarità intestinale vuol dire anche essere felici, sentirsi in forma e sereni nel proprio corpo.
L’intestino infatti ha una connessione profonda con le emozioni e tutto ciò che possiamo provare, quando questo è pigro favorisce automaticamente una sensazione di malessere generalizzata.

Succhi freschi di frutta e verdura aiutano la regolarità intestinale e favoriscono il benessere

Degli ottimi alleati per favorire la regolarità intestinale sono sicuramente i frullati, i succhi e centrifugati di frutta e verdura. In vista dell’estate è anche un buon modo per rinfrescarsi e creare delle ottime merende sane e gustose. I succhi freschi di verdura e frutta infatti permettono di integrare le cinque porzioni di fibre giornaliere che permettono l’equilibrio intestinale. Si possono creare delle combinazioni sempre differenti, sperimentando con vari gusti e sapori.

Vediamo in seguito alcune ricette che possono davvero essere una buona soluzione a cui non riuscirete più a fare a meno:

  1. Yogurt, pesca e susine: lo yogurt bianco è uno degli alimenti che occorre consumare quotidianamente per favorire il benessere del nostro intestino, infatti è una fonte indispensabile di fermenti lattici e prebiotici. Aggiungerlo ai nostri succhi e frullati permette di avere una bevanda cremosa da gustare. Inserite nel frullatore un vasetto di yogurt bianco, una pesca e due susine della varietà che preferite. Frullare il tutto, aggiungere del ghiaccio e gustare!
  2. Carote, arancia e pesca: una variante del classico succo ACE, potrebbe essere quella di aggiungere la pesca per rendere più dolce e cremosa la nostra bevanda. Consigliamo di mettere in frigo la frutta prima di procedere con l’estrazione di questa, in modo da avere una bevanda già fresca senza l’aggiunta del ghiaccio.
  3. Kiwi, cetriolo e yogurt bianco: per coloro che amano le combinazioni poco dolci, una valida alternativa ai classici succhi è quella di frullare un cetriolo e un kiwi insieme e aggiungere al composto un vasetto di yogurt bianco, si tratta di un modo eccellente per includere nella propria dieta un buon apporto di frutta e verdura.
  4. Papaya, albicocca e mirtilli: fresco, gustoso e con un tocco di esotico di questo succo non riuscirete più a farne a meno. Inserite in un frullatore o estrattore in base a ciò di cui disponete, una manciata di mirtilli, tre albicocche e mezza papaya (già pulita), frullate con alcuni cubetti di ghiaccio e servite!
  5. Finocchio, mela verde e spinaci: ricco di sali minerali questo succo verde è ciò di cui abbiamo bisogno per stare bene e donarci la giusta energia e benessere intestinale. Prendete circa 30 grammi di spinaci già lavati, un quarto di finocchio, e una mela verde, frullate il tutto e gustate. Sarà una valida merenda e un buon modo per regolarizzare il vostro intestino. Potete completare il succo aggiungendo anche delle foglioline di menta fresca, per donare un sapore ancora più estivo.
  6. Mango, melone, curcuma e yogurt bianco: per chi ama i sapori più decisi e speziati, allora questo frullato è perfetto poiché è la combinazione di mezzo mango, due fette di melone, un vasetto di yogurt bianco e curcuma a piacere. Infatti anche questa spezia possiede delle ottime capacità per mantenere il nostro intestino in un buono stato di salute, permettendoci di acquisire la giusta regolarità intestinale.
  7. Barbabietola, lamponi, mela e zenzero: questo frullato rosso possiede un sapore deciso e speziato grazie all’aggiunta dello zenzero. Oltre a favorire il regolare flusso intestinale, ha anche delle proprietà antiossidanti molto utili per il nostro organismo. Per realizzarlo occorrono circa 40 grammi di barbabietole lavate, una manciata di lamponi freschi, mezza mela e la quantità di zenzero a piacere, in base al proprio gusto personale.

In conclusione possiamo affermare che prendersi cura del proprio intestino è il primo passo per stare bene, se questo è accompagnato da una sana e corretta alimentazione e un buon esercizio fisico anche il benessere psicofisico ne gioverà assolutamente.

La regolarità intestinale fa acquisire una maggiore serenità, maggiore concentrazione e benessere a 360°. Anche l’umore avrà dei cambiamenti, poiché chi soffre di stipsi è soggetto a irritabilità, cambi di umore e malessere generalizzato. Mai sottovalutare tutti quei segnali del nostro corpo che ci indicano che abbiamo bisogno di un riequilibrio del nostro intestino.

Condividilo!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp